Obbligazioni a tasso variabile: quali sono i vantaggi?


Le obbligazioni a tasso variabile sono titoli obbligazionari la cui cedola non è fissa, ma varia al cambiare di determinati parametri. Questi titoli sono diversi da quelli a tasso fisso e rispondono in modo diverso alle variazioni macroeconomiche

Nell’ultima edizione ti ho parlato dell’opportunità di investire in obbligazioni soffermandomi soprattutto sulle obbligazioni a tasso fisso.

Come ti ho detto nel precedente articolo, esiste però un’altra categoria di titoli obbligazionari e cioè le obbligazioni a tasso variabile. Questi titoli sono diversi da quelli a tasso fisso e rispondono in modo diverso alle variazioni macroeconomiche, in particolare alle variazioni di tassi di interesse ed inflazione.

Obbligazioni a tasso variabile, come varia il tasso?

Obbligazioni a tasso variabile

Le obbligazioni a tasso variabile sono titoli obbligazionari la cui cedola non è fissa, ma varia al cambiare di determinati parametri.

Ad esempio, molte obbligazioni a tasso variabile hanno un rendimento legato all’Euribor a 3 o 6 mesi. Altre obbligazioni possono essere legate al Libor, mentre ad esempio in Italia l’obbligazione a tasso variabile più diffusa è il CCT, il cui rendimento è legato a quello dei BOT. Insomma, a parametri del mercato monetario.

Un’altra tipologia di obbligazioni a tasso variabile sono le obbligazioni inflation linked, il cui rendimento è legato all’andamento dell’inflazione.

Questa struttura fa sì che questi titoli abbiano un andamento esattamente opposto rispetto a quelli a tasso fisso al variare di tassi di interesse ed inflazione.

Infatti, se i tassi salgono un’obbligazione a tasso fisso viene penalizzata, visto che gli investitori potranno comprare nuove obbligazioni ad un rendimento più alto rispetto alle vecchie.

I titoli a tasso variabile, invece, guadagnano quando i tassi salgono se hanno cedole legate a parametri di mercato monetario, oppure quando sale l’inflazione se sono di tipo inflation-linked. Spesso inflazione e tassi di interesse salgono insieme.

Quindi, è chiaro che anche a livello di portafoglio richiedono delle considerazioni diverse.

LEGGI ANCHE: Investire in obbligazioni: vantaggi e svantaggi.

Quale ruolo per le obbligazioni a tasso variabile nel tuo portafoglio?

Le obbligazioni a tasso fisso hanno il ruolo di stabilizzare il portafoglio riducendone la volatilità. Le obbligazioni a tasso variabile, da questo punto di vista, sono persino meglio. Essendo meno esposte alle variazioni dei tassi, sono anche meno volatili rispetto ai titoli a tasso fisso e quindi stabilizzano maggiormente il portafoglio.

Il rovescio della medaglia è che se i tassi non salgono ma scendono o restano stabili, il loro rendimento sarà inferiore rispetto ai titoli a tasso fisso. In pratica, sono perdenti rispetto al fixed income in due scenari su tre.

I titoli a tasso variabile si avvicinano di più alla liquidità come profilo rischio/rendimento.

Concludendo, le obbligazioni a tasso variabile riducono ulteriormente la volatilità del tuo patrimonio. Tuttavia, attenzione a non esagerare con il loro acquisto, perché anche i rendimenti di lungo termine sono inferiori non solo a quelli del mercato azionario, ma anche ai rendimenti delle obbligazioni a tasso fisso.

Matteo Migliore - Fondatore di LEGALDESK

Mettiti in contatto su LinkedIn

Cerchi PCT Enterprise?

LEGGI QUI

Clicca su Mi piace!


Categoria

Investimenti



Scopri nel video come gestire al meglio il tuo studio legale

La registrazione è stata effettuata, a breve verrà verificata dallo staff.

Riceverai l'email di accesso da cui potrai scaricare LEGALDESK.

Ora verrai rediretto alla home page.