Newsletter per avvocato: non serve a nulla, ora ti serve fare DEM


La newsletter è uno strumento che non funziona più. E anche nel tuo settore, nonostante i molti limiti imposti dal codice, devi evolverti e applicare strategie di DEM. Ma come si fa?

Tempo di lettura: 4 minuti



Piove. Alle 17 hai appuntamento con un cliente, alle 19 devi visionare un caso particolarmente complesso per il quale hai bisogno di confrontarti con i tuoi colleghi. Il cliente è in ritardo, esci dallo studio, l’auto è parcheggiata a due isolati di distanza, metti il piede con le scarpe nuove dentro una pozzanghera di 5 centimetri, apri l’ombrello, ma una folata di vento te lo gira al rovescio e ti bagni all’inverosimile. Giornata tipo, tipo negativo ovviamente, ma delle volte capitano. Però è proprio in queste giornate che pensi di dover fare qualcosa per tornare a casa stanco, ma soddisfatto.

Perché ora non è che ti senti proprio appagato dal tuo lavoro, hai bisogno di qualcosa di più, di quel famoso salto di qualità che ti permetterà non solo di aumentare il tuo fatturato, ma anche di regalarti quel sottile piacere che si prova nel vedere l’agenda piena di appuntamenti e di cause particolarmente importanti.

Promozione dello studio: newsletter avvocati e altre strategie di web marketing

newsletter avvocati

Adesso che hai capito che portata hanno le tue ambizioni, non ti resta che trovare la strada giusta per farlo. Un tempo avresti dovuto mettere una bella insegna dorata, con incise lettere eleganti che indicavano il tuo cognome, qualche annuncio sulle pagine bianche, qualche biglietto da visita. Oggi puoi promuovere la tua attività sfruttando molti più canali e farti conoscere da molte più persone.

Come puoi facilmente immaginare gran parte dell’informazione passa dal web, per questo è forse il canale attualmente più utilizzato anche dalla tua categoria. L’avvocato può promuoversi sul web e se lo fa bene i risultati arrivano. Devi però stare attento allo strumento che scegli. Probabilmente ti è venuto in mente di utilizzare la newsletter, quindi spedire mail informative a un certo target in modo da avere nuovi clienti e fidelizzare quelli che già hai. Ok, non fa una piega, molte aziende utilizzano questa strategia di marketing per promuovere i loro prodotti o per lanciarli sul mercato.

Ma tu non sei un’azienda, tu sei un professionista, e se è vero che uno studio legale è a suo modo un’azienda, è anche vero che non tutte le aziende hanno bisogno delle stesse cose. Se sicuro che con l’utilizzo della newsletter andrai a centrare l’obiettivo? Ora ti spiego perché non funzionerà come speri e perché quello che ti serve è altro.

A cosa serve la newsletter e perché a te non serve

DEM avvocati

Sicuramente sai bene cosa è una newsletter, le cestini quasi tutte quelle che ti infestano la casella di posta. E chi ti dice che non possa capitare la stessa cosa anche con le mail che invii tu? Il rischio che le tue mail vengano cestinate è alto. Ma perché per te questo strumento non va bene? Ok pensa per un attimo di essere un’azienda che vende pasta.

Hai il tuo prodotto, buono tra l’altro, ma che non tutti conoscono. Cosa fai? Cerchi di farti conoscere utilizzando le strategie di web marketing, una bella paginetta di presentazione su un social, un form dove magari regali un gadget per cercare un contatto con il tuo target, crei engagement, ovvero una serie di relazioni con i tuoi potenziali clienti e inizi a inviare contenuti interessanti, dalle ricette per cucinare al meglio il tuo prodotto, alle notizie, curiosità, insomma, ci metti dentro tutto quello che alla gente può interessare sulla pasta. Fai conoscere il brand e acquisisci nuovi clienti rafforzando l’immagine del marchio.

Perfetto. Ma tu sei un avvocato. Certo, puoi utilizzare la newsletter, ma sarebbe come lanciare in mare una serie di esche sperando che prima o poi qualche pesce abbocchi. E intanto tu stai perdendo un sacco di tempo ad aspettare, magari trascurando il tuo lavoro in studio. No, non è questa la strategia giusta per la tua categoria, ormai serve a ben poco, troppa concorrenza: oggi hai bisogno di andare a colpire il bersaglio dritto nel centro e senza sbagliare il colpo, perché ne hai solo uno, se non lo colpisci, arriva prima il tuo concorrente.

Campagne DEM, la riposta a un mercato sempre più concorrenziale

Hai quindi un solo tiro a disposizione, si chiama DEM, e con questo fai sicuramente centro. Forse stai pensando che sempre di email marketing si tratta, e in effetti non hai tutti i torti, ma c’è una certa differenza. Con la DEM hai un target decisamente profilato, agisci con un push diretto e arrivi dritto al cuore della questione. Ti faccio un esempio: puoi offrire al tuo contatto una particolare promozione, magari hai deciso di fare delle consulenze gratuite, facendo leva proprio sulle sue necessità, che tu già conosci perché i tuoi contatti sono tutti interessati ai tuoi servizi.

O magari sei un avvocato specializzato in risarcimento danni da malasanità, con un target profilato andrai a interagire solo con chi, effettivamente, sta cercando un avvocato che si occupi di quel tipo di problematiche, non un divorzista, non un amministrativo, ma uno che sappia come ottenere il risarcimento che il cliente chiede.

Quindi cosa cambia in buona sostanza rispetto alla newsletter? Beh, che in questo modo hai un tasso di apertura delle mail decisamente più alto, che il cestino non fa più così paura e che puoi avere un elevato numero di probabilità che quel contatto venga da te per una consulenza. Chiaramente non puoi occuparti tu di tutto. Soprattutto all’inizio avrai bisogno di qualcuno che ti segua e ti organizzi la strategia DEM più adatta al tuo caso. Tu, eventualmente, potrai partecipare sempre più attivamente nel tempo.

Un punto deve essere però chiaro, non dimenticare di considerare la normativa sulla privacy per quanto riguarda la raccolta dei dati dei tuoi contatti, ma sicuramente non c’è bisogno di aprire un capitolo su questo dato che, come legale, avrai già preso in considerazione.

Hai il motore, hai le ruote, ma devi poter guidare comodamente

newsletter studi legali

Adesso sai che con una strategia di marketing di un certo tipo puoi spedire mail che ti faranno conoscere meglio e aumenteranno sicuramente il fatturato. Ma ancora non basta. Immagina di essere seduto su un’auto bellissima. Devi fare un viaggio molto lungo e non puoi fermarti. Hai quindi sistemato il motore, hai cambiato le gomme e sei pronto a partire. Arrivato a nemmeno un quarto del percorso, devi per forza fermarti perché il sedile è troppo duro, non si reclina bene e si sentono le molle che ti entrano nella schiena.

Ecco, se hai una buona strategia per avere un buon numero di clienti, ma poi non sai come gestirli, finisce che devi fermarti, fare sosta, e poi chiaramente arrivi a destinazione più tardi degli altri. Allora ti dico un’altra cosa: devi essere in grado di gestire perfettamente il tuo lavoro. Il gestionale per studi legali di LEGALDESK ti aiuta a risparmiare diverse ore di lavoro, ma soprattutto ti aiuta a vivere la giornata in studio o in Tribunale senza stress e ansia. Con un click invii la pec, ma puoi fare tante altre operazioni che ti semplificheranno la vita, basta contattarci per avere tutte le informazioni che ti servono.

Ora hai tutto, puoi salire nuovamente sull’auto, ingranare la marcia e correre verso la meta!

Scopri nel video come gestire al meglio il tuo studio legale


La registrazione è stata effettuata, a breve verrà verificata dallo staff.

Riceverai l'email di accesso da cui potrai scaricare LEGALDESK.

Ora verrai rediretto alla home page.