Senza fattura elettronica non si potrà detrarre l’Iva


Una delle novità più importanti del Decreto Legge 119/2018 concerne proprio la fatturazione elettronica e la conseguente detrazione dell'imposta sul valore aggiunto

Tempo di lettura: 7 minuti



Una delle novità più importanti del Decreto Legge 119/2018 concerne proprio la fatturazione elettronica e la conseguente detrazione dell'imposta sul valore aggiunto.

In caso di fattura elettronica emessa in modo tardivo, infatti, non ci saranno sanzioni economiche da pagare ma l'acquirente/committente vedrà dilatarsi i tempi per la detrazione.

Detrazione IVA e fattura elettronica: vediamoci chiaro

Detrazione IVA e fattura elettronica: vediamoci chiaro

Come specificato in una nota dall'Agenzia delle Entrate, la fattura elettronica riferita al primo semestre 2019 può essere emessa entro il termine specifico della liquidazione IVA: non ci sarà, dunque, lo spazio per l'applicazione di una sanzione e, nel caso la fattura venga regolarizzata nel periodo immediatamente successivo a quello prescritto, la sanzione sarà ridotta al 20%.

Benché l'articolo 10 del decreto legge 119/2018 si mostri molto favorevole al cedente, lo stesso non può dirsi nei riguardi dell'acquirente giacché ci si chiede se egli possa egualmente detrarre l'IVA pur non in presenza di una fattura elettronica regolarmente emessa.

A tal proposito, l'Agenzia delle Entrate è chiara e perentoria: tutte le operazioni interne devono obbligatoriamente assoggettarsi al sistema di fatturazione elettronica, non potendo più darsi luogo a quelle cartacee.

Uno svantaggio non da poco per un professionista che si troverebbe a detrarre l'IVA in un periodo successivo alla data di emissione di fattura, pur avendo già pagato un corrispettivo maggiorato nel semestre precedente.

Una soluzione dirimente non è ancora ipotizzabile. Un correttivo, però, potrebbe essere trovato nell'immediato. Per il primo periodo, infatti, si potrebbe lasciare inalterato il sistema di fatturazione cartacea e, solo dopo un certo periodo di rodaggio, addivenire finalmente a quella elettronica.

Questa soluzione, a ben vedere, avvantaggerebbe un po' tutti perché l'ente per la riscossione non dovrebbe rimetterci alcunché, fermo restante l'obbligo per il cedente di assoggettarsi al termine per la liquidazione periodica. 

LEGGI ANCHE: Assistenza legale online, possibile servizio on demand?

Cosa accade se si emette una fattura tardiva

Come già avuto modo di spiegare, l'attuale Governo M5Stelle-Lega, per ovviare alla prima problematica fase della fatturazione elettronica obbligatoria, ha deciso di non applicare sanzioni relative all'emissione tardiva della fattura per i primi sei mesi del 2019. Ma, decorso tale termine, cosa accade e quali sono le conseguenze?

Come ampiamente chiarito anche dall'Agenzia delle Entrate, la fattura elettronica è il presupposto giuridico-legale che conduce alla detrazione dell'IVA sugli acquisti.

Nel caso in cui ci si trovasse in presenza di un'emissione tardiva di fattura elettronica, solo colui che acquista la merce oggetto del documento fiscale, altrimenti definito cessionario, non è assoggettato a sanzioni per i primi sei mesi del nuovo anno.

Un esempio, forse, può aiutare a comprendere quale sia il problema di base. Un professionista con liquidazione trimestrale dell'imposta sul valore aggiunto, infatti, potrebbe trovarsi nella situazione di dover procedere all'incasso di una fattura emessa da un'azienda che, al contrario, liquida l'IVA mese dopo mese.

Ebbene, mentre il professionista può procedere legittimamente a inviare la fattura entro il 16 maggio 2019 senza il timore di incorrere in alcuna sanzione, l'azienda potrà procedere a detrarre l'IVA solo dal mese successivo, propriamente da giugno 2019, non importando la circostanza del pagamento avvenuto ben sei mesi prima.

Quindi, temporaneamente, si potrebbe ricorrere alla soluzione cartacea, come già sottolineato in precedenza. Anche perché, e giova ricordarlo, sebbene la fattura elettronica sia l'unico strumento idoneo ai fini fiscali, ciò non vuol dire che la fattura cartacea sia priva di effetti civili. 

Tutt'altro. Essa, difatti, servirà sempre a provare l'avvenuta fornitura di beni e servizi, diventando il presupposto giuridico-economico per la riscossione del credito portato. 

Fattura elettronica tra privati: come funziona?

Fattura elettronica tra privati: come funziona?

All'interno della recente manovra Finanziaria 2018 è previsto l'obbligo per i privati, a partire dal 1 gennaio 2019, di uniformarsi al sistema di fatturazione elettronica.

Tale obbligo, infatti, concerne tutta la fatturazione B2B, altrimenti definita BusinessToBusiness, relativa all'emissione di ogni documento fiscale che abbia per oggetto la riscossione di somme di denaro conseguenti alla cessione e allo scambio di beni e servizi. 

L'obbligo summenzionato, però, soffre di una specifica eccezione: non saranno soggetti all'imposizione descritta in Finanziaria tutte quelle organizzazioni previste e menzionate all’articolo 27 comma 3 del Decreto Legge n. 98/11 oppure quei soggetti ricadenti all'interno del regime forfettario disciplinato dalla Legge n. 190/14.

Benché la normativa sulla fatturazione elettronica risulti in più punti fumosa e lacunosa, essa ha il pregio di schematizzare, in modo semplice e diretto, tutti i passaggi volti alla creazione della fattura da emettere.

Il documento fiscale sarà creato in una particolare estensione, definita Extensible Markup Language o rintracciabile con l'acronimo XML, leggibile e scaricabile solo attraverso il cosiddetto Sistema di Interscambio.

Ogni azienda, attraverso il portale pubblico che sarà reso presto disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate oppure attraverso la modalità del cassetto fiscale di cui è già in dotazione, in tempo reale e con pochi e semplici click potrà indicare in che maniera desideri ricevere la fattura, salutando per sempre la modalità cartacea che, laddove presente, risulterà semplicemente inefficace.

La fattura così creata, sarà considerata come non emessa e non circolante all'interno dell'azienda. 

Se, invece, la fattura sarà emessa attraverso il Sistema di Interscambio già descritto, essa dovrà preliminarmente essere registrata e successivamente autorizzata al fine di essere messa in esecuzione per ricevere il pagamento. 

LEGGI ANCHE: Calcolo interessi legali

Studio legale e la fatturazione elettronica

Fattura elettronica LEGALDESK

Tra i professionisti più interessati dall'oculata gestione delle fatture elettroniche rientrano certamente gli avvocati.

Considerata la mole di lavoro che intasa gli studi legali, dotarsi di un ottimo sistema che semplifichi il processo di fatturazione elettronica diventa il primo step per una migliore e più rapida crescita professionale.

Con LEGALDESK, uno dei più efficaci sistemi a disposizione degli avvocati per la digitalizzazione e catalogazione di tutti i documenti presenti negli archivi legali, i professionisti non dovranno far altro che aggiungere il nome e i dati del cliente alla fattura e il gioco è fatto.

LEGALDESK, infatti, in via del tutto automatica, il sistema calcolerà il valore della fattura, genererà il file nel corretto formato XML, supervisionerà le operazioni connesse all'invio del file, si occuperà della spedizione e ti avvertirà ogni volta che ci saranno notifiche o alerts importanti.

In questo modo, il processo di emissione della fattura non solo sarà più veloce ma sarà anche decisamente più sicuro, giacché il sistema ti avvertirà nel caso in cui ci fossero errori improvvisi da correggere. Inoltre, studiato proprio per avvantaggiare avvocati e professionisti del settore legale, LEGALDESK si conferma uno dei migliori strumenti in circolazione grazie all'estrema facilità di utilizzo e alla semplificazione di tutte le procedure informatiche.

Gli avvocati potranno sempre tenere sotto controllo le fatture emesse, i ritardi nei pagamenti e correre ai ripari in modo tempestivo laddove qualcosa non fosse andato propriamente nel modo giusto. Così facendo, inoltre, i professionisti avranno più tempo da dedicare ai clienti, evitando le lungaggini connesse alla creazione e alla compilazione delle fatture cartacee.

Ma i vantaggi non finiscono certo qui. Con LEGALDESK potrai abbattere i costi, scegliere quali documenti catalogare e in quale ordine, ottimizzare i tempi e i rapporti con i terzi e, soprattutto, aumentare l'efficienza del tuo studio legale, potendo tenere sotto controllo tutta la tua attività professionale. 

Clicca su Mi piace!


Categoria

Fatturazione


Scopri nel video come gestire al meglio il tuo studio legale

La registrazione è stata effettuata, a breve verrà verificata dallo staff.

Riceverai l'email di accesso da cui potrai scaricare LEGALDESK.

Ora verrai rediretto alla home page.