Gratitudine: abitudine principe anche per l'avvocato


La mancanza di gratitudine rende poveri perché indipendentemente da quanto si possiede si è sempre insoddisfatti e infelici e quindi poveri

Ogni giorno sulle spalle degli avvocati ricadono i problemi degli altri, può trattarsi di questioni condominiali, di liti tra vicini, problemi familiari, amministrativi o tributari.

Tutto questo deve essere affrontato con competenza, passione e capacità di immedesimarsi nei problemi altrui e risolverli.

Ecco perché diventa necessario sviluppare il senso di gratitudine.

Avvocato, l'importanza della gratitudine

Avvocato, l'importanza della gratitudine

La gratitudine può essere definita come un sentimento di riconoscimento e ringraziamento verso chi ci ha fatto del bene, nella maggior parte dei casi è un sentimento reciproco perché c'è sempre una certa sinergia tra chi fa del bene e chi lo riceve.

Ad esempio i clienti di un avvocato devono essergli grati in quanto si tratta di un professionista che mette in campo le proprie conoscenze e la professionalità per risolvere i problemi altrui proprio come farebbe con i propri problemi.

L'avvocato a sua volta deve essere riconoscente perché riceve l'onorario, ma soprattutto riceve la fiducia di persone che stanno attraversando periodi delicati della loro vita e decidono di affidarsi proprio a lui tra i tanti presenti sul mercato.

La gratitudine non è un sentimento però così semplice da provare perché la vita frenetica dei tempi contemporanei, rende difficile trovare il tempo di maturare un sentimento così importante. Spesso si pensa che tutto sia dovuto, c'è la pretesa, si difendono i diritti perdendo di vista i doveri.

Anthony Robbins, importante coach e motivatore, ha affermato che la mancanza di gratitudine rende poveri perché indipendentemente da quanto si possiede se non si è in grado di apprezzare il valore di ciò che si ha e soprattutto delle persone che sono accanto, si è sempre insoddisfatti e infelici e quindi poveri.

La gratitudine è un sentimento positivo che consente di affrontare la quotidianità e superare gli ostacoli che giorno dopo giorno inevitabilmente si presentano.

Proprio per questo la gratitudine diventa l'abitudine principe da creare e che si manifesta in modo semplice: con una stretta di mano, un saluto caldo e cordiale, un sorriso che fa capire che in fondo tutto ciò che è stato fatto non è andato perduto ha creato qualcosa di forte e stabile che si riconosce nel tempo e si manifesta nella fiducia che nel tempo si consolida.

Ovviamente non sempre i clienti si limitano a questo infatti sono tanti i clienti che decidono0 di ringraziare in modo formale un avvocato che ha permesso loro non semplicemente di vincere una causa, ma di risolvere un problema che magari stava creando un notevole disagio.

LEGGI ANCHE: Calcolo interessi legali

Come avere la gratitudine dei clienti

Conquistare la gratitudine dei clienti per un avvocato purtroppo non è facile, infatti spesso si conoscono le persone nei momenti peggiori della loro vita, quando sono frustrate ed esasperate perché pensano che stanno subendo una piccola o grande ingiustizia. A ciò si aggiungono le lungaggini processuali che non dipendono dagli avvocati, ma i clienti le imputano proprio a loro.

In realtà qualunque avvocato vorrebbe soddisfare i suoi clienti, vederli andar via felici, ma non è semplice perché non dipende tutto dalla volontà o capacità del professionista che rappresenta gli interessi altrui, ma dall'intero sistema giudiziario che vede le cancellerie oberate di lavoro e spesso senza ciò che occorre ad una gestione ottimale del servizio.

I giudici a loro volta hanno carichi pendenti elevati e non riescono materialmente ad istruire una causa in breve tempo. A ciò si aggiungono ulteriori intoppi come indisposizione dei testimoni o altro. Nonostante questo insieme di fattori i clienti si interfacciano soprattutto con l'avvocato ed è su di lui che scaricano le tensioni accumulate.

Ecco perché ci si dovrebbe esercitare alla gratitudine e alla comprensione dell'altro attraverso un vero e proprio percorso di introspezione che faccia diventare la gratitudine un'abitudine.

I clienti che riescono a capire quanto può essere duro il lavoro di un avvocato, lui non solo deve cercare di rappresentare gli interessi dei clienti, ma deve interfacciarsi ogni giorno con altri professionisti agguerriti e quindi la situazione può essere davvero stressante, trovano in lui un amico fidato.

Infatti si può andare dall'avvocato perché si è stati citati in giudizio, perché si vuole citare in giudizio qualcuno, perché si viene ingiustamente sottoposti ad attività processuali, ma anche semplicemente per chiedere un consiglio.

Oggi sempre più spesso si va dall'avovcato anche semplicemente per chiedere se una determinata attività che si vuole intraprendere è legale o qual è il percorso giusto per evitare di incappare in errori legali.

Capita di andare dall'avvocato perché si deve affrontare la fine di una relazione, si hanno problemi con i figli, insomma per qualunque questione che tocca anche l'aspetto più intimo della vita privata l'avvocato fa sempre comodo ed è lì ad ascoltare.

Proprio per questo nei suoi confronti la gratitudine dovrebbe essere un'abitudine. Nonostante tutte queste problematiche, se sei un avvocato a lavorare al tuo fianco e a permetterti di migliorare il servizio reso ci sono i gestionali per il processo telematico.

Perché essere grati della digitalizzazione dei servizi

Perché essere grati della digitalizzazione dei servizi

Sicuramente i passi avanti fatti per ridurre i tempi dei processi sono importanti, ma non sono bastati, ecco perché c'è la rivoluzione verso la digitalizzazione di alcune fasi dei processi.

Di questo importante cambio gli avvocati di sicuro devono essere grati perché avere un sistema più celere, e che consente anche di risparmiare tempo, offre l'opportunità di seguire più attività processuali e quindi anche di avere maggiori guadagni.

In particolare finisce l'era dei praticanti inviati come piccioni viaggiatori tra le diverse cancellerie per depositare atti e prelevarne altri.

Queste fasi possono essere gestite online, senza dover fare la fila, senza dover prendere l'auto e andare in tribunale solo per questioni burocratiche anche senza avere udienze da trattare. Tutto questo si trasforma in un vero risparmio economico.

Per poter accedere alle diverse funzioni del processo telematico si deve essere iscritti all'albo degli avvocati, si possono così ottenere le credenziali univoche per entrare nel sistema giustizia. Le stesse devono essere custodite dal professionista in modo molto attento, in quanto è sua responsabilità nel caso in cui vi sia un furto delle informazioni legato alla cattiva gestione delle chiavi di identificazione.

Per poter accedere è necessario avere un gestionale registrato presso il ministero della Giustizia, le funzioni minime, oltre all'accesso al Polisweb, sono l'archiviazione degli atti al fine di razionalizzare le risorse è evitare il cartaceo, la gestione della PEC (Posta Elettronica Certificata) e della firma elettronica.

L'archiviazione in formato digitale consente di avere molti vantaggi perché gli avvocati possono finalmente dire addio ai faldoni di documenti che spesso occupavano numerose stanze dello studio, inoltre vi è risparmio di carta e inchiostro, oltre che di gestione delle stampanti.

Per avere un gestionale funzionale, completo, evoluto la soluzione è scegliere LegalDesk, questo ha funzioni ulteriori rispetto alle minime previste. Consente di gestire l'agenda che offre la possibilità di ricordare tutti gli appuntamenti e le scadenze, inoltre ha la funzione rubrica per avere sempre a portata di mano i recapiti dei clienti.

Gli stessi possono essere utilizzati per inviare documenti e notifiche, ma anche per realizzare piani di marketing volti a realizzare una comunicazione continua con i clienti e tenerli aggiornati sulle novità dello studio, legali, per notificare nuove pubblicazioni sul proprio sito.

LegalDesk consente di avere un vero e proprio ufficio sempre con sé, questo è possibile anche grazie al servizio di fatturazione e preventivi. In poco tempo si compilano tali documenti vengono consegnarli al cliente, inoltre con l'entrata in vigore dell'obbligo di fatturazione elettronica con il gestionale giusto tutto è più semplice.

Dai calcoli eseguiti è emerso che i professionisti che utilizzano LegalDesk risparmiano fino a tre ore di tempo di lavoro al giorno. Ecco perché se sei un avvocato devi essere grato dell'opportunità che ti viene data con l'accesso telematico agli atti.

Ciò anche perché puoi utilizzare LegalDesk gratuitamente per un mese e in seguito confermare l'abbonamento al software o cercarne un altro senza alcun obbligo di acquisto.

Matteo Migliore - Fondatore di LEGALDESK

Mettiti in contatto su LinkedIn

Cerchi PCT Enterprise?

LEGGI QUI

Clicca su Mi piace!


Categoria

Crescita personale


ARTICOLI CONSIGLIATI


Scopri nel video come gestire al meglio il tuo studio legale

La registrazione è stata effettuata, a breve verrà verificata dallo staff.

Riceverai l'email di accesso da cui potrai scaricare LEGALDESK.

Ora verrai rediretto alla home page.