Chatbot per lo studio legale, i vantaggi dell'assistente virtuale


Il chatbot è a tutti gli effetti un assistente virtuale che simula una conversazione che potrebbe avvenire fra te ed il tuo potenziale cliente, senza necessariamente trovarti dall'altra parte dello schermo

Tempo di lettura: 15 minuti



Essere professionisti significa andare al passo con i tempi, aggiornarsi sulle esigenze del settore ed entrare nelle case dei clienti senza dare alcun disturbo.

Per tale ragione sono sempre in numero crescente gli avvocati che decidono di aprire un sito internet referente allo studio legale, con lo scopo di mostrare il proprio lavoro e diventare una vetrina per potenziali interessati.

La gestione di un sito internet non costa molto, ed ottimizzarlo consente di farsi conoscere ad un vasto pubblico di persone, ma per farlo occorrono tre cose fondamentali:

  • efficienza nella consultazione dei post.
  • semplicità nell'utilizzo.
  • intuitività della grafica.

Tutto questo può avvenire utilizzando semplici strumenti, come ad esempio il chatbot, un sistema che consente di interagire immediatamente con una sorta di''segreteria virtuale'' pronta a rispondere a qualsiasi dubbio.

Ad utilizzarla sono la gran parte degli e-commerce per facilitare l'interazione con i consumatori, ma potrebbe rivelarsi utile anche a te che promuovi il tuo studio legale attraverso un sito, un blog, una piattaforma.

Senza assumere altro personale (basta già la segretaria che ti fissa gli appuntamenti) implementare il chatbot potrà rivelarsi utile per una serie di circostanze: vediamo insieme perché!

Chatbot studio legale, che cos'è?

Chatbot studio legale, che cos'è

Ti è mai capitato di visitare un sito come quello di un ente bancario, di un operatore telefonico o di un negozio online e di notare una piccola finestrella aprirsi in automatico in fondo alla pagina? Ricordi cosa c'era scritto dentro quella finestra?

Sembra una sorta di area all'interno del quale vieni invitato a richiedere qualsiasi informazioni senza perderti all'interno del sito e senza andare alla ricerca dei contatti più importanti.

Spesso capita infatti che un portale risulti essere di difficile consultazione, anche per i più esperti che si perdono nei meandri del menù senza riuscire a trovare ciò che si desidera.

Ottenere le informazioni necessarie può avvenire in diversi modi: mediante la compilazione di un form alla pagina dei contatti, fornendo il numero di telefono a piè di pagina oppure utilizzando il chatbot inserito direttamente nell'interfaccia principale del portale.

Sento già la tua domanda: che cos'è un chatbot? Niente di più semplice!

Si tratta di un software che interagisce con chi visita il sito in maniera istantanea e no stop. Il cliente interessato propone una domanda e la inserisce all'interno della finestra; una serie di algoritmi analizzeranno le keyword contenute nella frase per formulare la risposta.

Il chatbot è a tutti gli effetti un programma interattivo di facile utilizzo che simula una conversazione che potrebbe avvenire fra te ed il tuo potenziale cliente, senza necessariamente trovarti dall'altra parte dello schermo.

Pensa a quelle persone che durante la sera cercano informazioni in merito ad una legge e si imbattono nel tuo portale. Tu all'ora di cena sei già a casa e non garantisci alcuna reperibilità per il lavoro: il chatbot farà il lavoro al posto tuo e, mentre tu ti starai riposando, starà già rispondendo alle domande poste dal visitatore.

Proprio come se fosse un assistente, ma dalle sembianze virtuali, il chatbot fornirà informazioni utili che riguarderanno il tuo lavoro, i contatti dei tuoi assistenti, gli orari di reperibilità dell'ufficio e tutto quello un cliente è interessato a trovare all'interno del tuo sito.

LEGGI ANCHE: Assistenza legale online, possibile servizio on demand?

Come funziona un chatbot?

Il chatbot è uno strumento interattivo che deve essere implementato all'interno del portale da te utilizzato. Gli esperti di informatica programmeranno il software su misura e lo renderanno utile all'utilizzo che tu desideri farne.

Il programma cercherà di elaborare le parole inserite dal visitatore assimilandole alle parole contenute nel tuo portale: attraverso l'incrocio di una serie di informazioni il chatbot risponderà in maniera appropriata a tutte le domande che gli verranno rivolte.

Trattandosi di uno strumento virtuale, il suo funzionamento è limitato, nel senso che le domande dovranno essere attinenti ai contenuti presenti nel tuo portale. Se qualcuno chiederà che tempo farà domani sfruttando il chatbot del sito, non otterrà alcun tipo di risposta.

Il limite è del tutto relativo, perché se da un lato lo strumento è il frutto di una programmazione, dall'altro si rivela essere un vero e proprio assistente virtuale

Il chatbot può funzionare in diverse modalità, a seconda se desideri mettere in rilievo la finestra di dialogo virtuale oppure preferisci nasconderla (ma renderla visibile a chiunque) all'interno di un pulsante.

Nel primo caso il chatbot si aprirà in automatico non appena il visitatore entrerà nel tuo portale anche solo per leggere un articolo: la finestra sarà visibile in basso a destra ed avrà le sembianze di una chat con un assistente che risulterà online per rispondere alle domande.

La finestra non è molto grande, ma è ben visibile per essere notata da chiunque e può essere ridotta ad icona premendo il pulsante X posto sull'interfaccia.

Il chatbot nella modalità pulsante ha un'icona che richiama il simbolo del dialogo, quindi le nuvolette utilizzate per i fumetti oppure un avatar che ricordi quello di una persona.

Cliccando sull'icona si aprirà nell'immediato la finestra di dialogo all'interno del quale potranno essere inserite le parole chiave per la ricerca delle informazioni.

L'icona non è vistosa, ma generalmente si preferisce un simbolo che possa catturare l'attenzione della persona, la quale avrà la facoltà di aprirla o meno a seconda delle necessità.

In entrambi i casi il chatbot non occupa molto spazio nella pagina. Le dimensioni sono minime tali da non nascondere i contenuti del sito internet.

Per renderlo ancor più accattivante ed utile in genere un segnale acustico piacevole avverte della presenza del software: si tratta di un bep, simile a quelli che vengono adoperati nella messaggistica istantanea che ti indicano se un messaggio è giunto a destinazione e se l'interlocutore sta provvedendo a risponderti.

Perché implementare il chatbot sul sito dello studio legale?

Perché implementare il chatbot sul sito dello studio legale?

Quando visiti un sito la prima cosa che ti serve è capire dove reperire le informazioni più importanti.

Il tempo che impieghi si riduce ad una manciata di secondi perché già sai fin dal principio cosa desideri trovare all'interno di quel portale.

È un po' come quando entri in un negozio per acquistare un prodotto: mica vai in un supermercato per comprare le medicine!

Il portale che promuove il tuo studio legale non è altro che la vetrina di un negozio all'interno del quale esponi i migliori prodotti per farti conoscere dalle persone. Il chatbot diventa il commesso che darà i migliori suggerimenti per la navigazione semplice del tuo portale.

Quando un sito internet risulta ostico nella lettura e nel reperimento delle informazioni il cliente tende a stancarsi, con il risultato di perdere l'opportunità di promuovere il proprio lavoro. A maggior ragione se trattasi di un portale che parla del tuo studio legale e del lavoro che svolgi in qualità di avvocato.

Per mostrare le tue competenze e la professionalità del tuo team di sicuro inserirai un blog dove parlerai di dottrina e di giurisprudenza, delle novità previste dalla legge, delle ultime sentenze che potrebbero aprire nuovi scenari in merito ad una fattispecie. 

La persona che si ferma sul tuo sito noterà la professionalità con cui lavori leggendo proprio gli articoli da te proposti: gran parte delle volte si ritroverà ad aver vissuto le stesse situazioni che menzioni nei tuoi post.

Interessato dei consigli utili che fornisci, vorrà come minimo conoscerti per ulteriori informazioni, o magari per una consulenza o, meglio ancora, per ottenere assistenza legale. In tutti questi casi cercherà di contattarti tramite e-mail o sul numero che compare nella pagina dei contatti, compilerà il form oppure commenterà i tuoi post inserendo le domande che desidera farti.

Con il chatbot il potenziale cliente potrà avere risposte immediate senza attendere un tuo riscontro e saprà fin da subito qual è il tuo modo di lavorare.

Le risposte fornite dal chatbot sono formali, formulate in un linguaggio semplice e cortese, comprensibile a chiunque e strutturato proprio per ottimizzare le risposte a seconda delle esigenze. Se il cliente proverà a chiedere consulenza all'assistente virtuale, verrà gentilmente invitato a prendere contatti con te, preferibilmente nell'orario ufficio. Ma se desidera conoscere le modalità di contatto, sarà indirizzato direttamente nella pagina interessata tramite un apposito link.

Il chatbot è attivo h24, reperibile tutto il giorno ed in ogni momento, proprio per coloro che si riducono all'ultimo istante: tu lavorerai per conto tuo mentre qualcun altro risponderà per te. Non trovi che il chatbot sia un buon modo per ottimizzare il tuo tempo?

LEGGI ANCHE: Avvocato, vinci la concorrenza con i video online

Chatbot studio legale: quali sono i vantaggi?

All'inizio di questo articolo abbiamo detto che un portale, per essere funzionale, deve rispondere a tre requisiti:

  • efficienza.
  • semplicità.
  • intuitività.

Efficienza significa capacità di fornire informazioni utili mostrandosi professionali e competenti, insomma in grado di risolvere ogni tipo di problema.

Il vantaggio è duplice, perché la persona trova la risposta ai suoi problemi, mente tu accresci il tuo portafoglio di clienti utilizzando semplicemente un sito internet.

D'altronde in economia l'efficienza è la capacità di produrre beni e servizi con gli strumenti a propria disposizione e di ottenere risultati positivi nel breve e nel lungo periodo.

Semplicità è una parola fuorviante, perché il sito di uno studio legale già in partenza può risultare ostico: da un lato intendi promuovere il tuo ufficio ed il tuo lavoro, mentre dall'altro devi comunque offrire un prodotto accattivante, come ad esempio una serie di articoli informativi che possano attirare l'attenzione dei visitatori.

Se riesci a distinguere l'autopromozione dai servizi offerti il cliente avrà la possibilità di conoscerti senza alcun impegno, grazie ai contenuti da te forniti. Egli opterà per la tua assistenza proprio perché ti proponi come una persona oggettiva, che sa come fare il proprio lavoro.

L'intuitività è sinonimo di immediatezza: l'interfaccia del tuo portale deve risultare di facile consultazione anche per chi non è esperto di navigazione internet. Il menù deve essere ben visibile e formulato per visitare il tuo sito senza perdere troppo tempo.

In architettura l'essenziale vince su ogni stile di arredo, perché non adoperarla anche sul tuo sito professionale? È vero, l'avvocato non è un lavoro semplice da riassumere in un menù di quattro - cinque pagine, ma devi confrontarti con un pubblico fatto di persone che non hanno le tue stesse conoscenze, anche in materia informatica.

Un chatbot implementato nel tuo portale farà in modo che il sito risulti essere efficiente, semplice ed intuitivo. Come? 

  • efficiente - in una manciata di secondi darà al cliente ciò che cerca.
  • semplice - il cliente pone una domanda, la risposta sarà immediata.
  • intuitivo - l'icona o la finestra sono visibili immediatamente. Basta cliccare e la conversazione viene già avviata formulando la prima domanda.

Clicca su Mi piace!


Categoria

Tecnologia


Scopri nel video come gestire al meglio il tuo studio legale


La registrazione è stata effettuata, a breve verrà verificata dallo staff.

Riceverai l'email di accesso da cui potrai scaricare LEGALDESK.

Ora verrai rediretto alla home page.