Telefono, messaggi e videochiamate i nuovi poteri dell'avvocato


A migliorare qualitativamente ed efficacemente il lavoro del legale è la tecnologia che con le sue invenzioni e le scoperte hi-tech ha reso flessibile e poliedrica tale figura professionale

Tempo di lettura: 13 minuti



Uno dei tanti elementi che rendono affascinante il mestiere dell'avvocato è la capacità della professione di adattarsi ai tempi che corrono. 

A differenza di altri lavori che diventano obsoleti con il trascorrere degli anni, quella del legale è un'attività sempre moderna.

D'accordo, bisogna aggiornarsi, studiare sempre, stare al passo con la giurisprudenza e la dottrina...ma in merito alle strumentazioni ed al modo con cui si esercita la professione...

Beh! L'avvocato è in continua evoluzione.

Lo dimostra il processo civile telematico, l'utilizzo di redattori per l'introduzione dei giudizi, la licenza di software sempre più sofisticati in grado di sopperire ad ogni tipo di esigenza.

A migliorare qualitativamente ed efficacemente il lavoro del legale è altresì la tecnologia che con le sue invenzioni e le scoperte hi-tech ha reso flessibile e poliedrica tale figura professionale.

In tal modo telefono, messaggi e videochiamate diventano i nuovi poteri dell'avvocato: come utilizzarli in maniera efficiente e quali sono le utilità della tecnologia moderna per un legale?

Avvocato ieri e oggi: le principali differenze del mestiere nel corso del tempo

Avvocato ieri e oggi: le principali differenze del mestiere nel corso del tempo

Fin dai tempi antichi (si parla addirittura del terzo secolo a.C.) l'avvocato ha sempre avuto un ruolo fondamentale, ossia fare da interprete del diritto. 

Sicuramente la professione ha assunto connotazioni particolari a seconda delle epoche storiche: rimanendo a Roma gli avvocati erano classificati in giuristi, oratori o procuratori, mentre nel medioevo l'attività poteva essere esercitata da tutori, clamatores, actores e causidici. Tutti di origine gallica.

Una prima disciplina al settore dell'avvocatura pare fosse intervenuta solo verso il 1200 mentre l'avvocato così come lo si conosce oggi è il frutto di una lunga evoluzione tipica di ogni paese del mondo.

Tant'è che l'avvocato italiano non ha gli stessi poteri dell'avvocato americano e nonostante siano riconosciuti diversi poteri in questo o quello Stato, la professione legale rimane sempre strettamente correlata all'interpretazione del diritto.

A cambiare però è il modo con cui viene esercitato il mestiere, a maggior ragione oggi che in Italia si contano poco meno di 250 mila professionisti.

Se fino ad un ventennio addietro l'avvocato era la persona munita di 24 ore in una mano e con un faldone nell'altra, oggi un legale è fornito di uno smartphone e, tutt'al più, di una semplice borsa porta documenti (giusto perché verba volant scripta manent, dicevano i latini).

Il lavoro viene digitalizzato, archiviato in cloud su piattaforme altamente sicure e ad evolversi sono soprattutto i rapporti instaurati fra avvocato e clientela.

Permangono gli incontri in ufficio e l'assistenza di persona in tribunale (in fondo quella del legale è un'attività intuitu personæ), ma gran parte dell'attività viene svolta principalmente sui propri device e in connessione con una rete.

Ed ancora. Le raccomandate, le lettere e le notifiche non profumano più di carta appena stampata con tanto di marca da bollo: basta una semplice PEC, una firma digitale riconosciuta dai sistemi e i rapporti a distanza si adattano a tecniche 4.0.

Per accordarsi sulle ultime cose servirà una telefonata ed il gioco è fatto, mentre se si desidera un rapporto diretto skype farà da tramite accorciando le distanze.

Una consulenza può avvenire online previo pagamento della tariffa concordata e con un semplice messaggio si potrà inoltrare la parcella al cliente adoperando un software gestionale integrato.

Infine. Gli avvocati oggi si associano fra loro per fare squadra ed ammortizzare le spese. Uno studio associato fornisce servizi differenti ma in linea con la filosofia di chi appartiene a quell'associazione professionale.

Un cliente che intenda chiedere tutela in una materia potrà trovare più di un supporto che ricomprenderà l'ambito legale, quello ingegneristico, quello architettonica e, addirittura, il tecnico.

Al contrario un avvocato socio di uno studio troverà il modo di riqualificarsi e di utilizzare gli strumenti tecnologici messi in comune dallo stesso studio.

LEGGI ANCHE: Assistenza legale online, possibile servizio on demand?

Vantaggi della tecnologia per un avvocato moderno

Permane lo studio, l'ufficio, la mole di lavoro e le numerose attività richieste dalla professione. Permangono anche le norme che regolano la professione, il codice deontologico, i divieti ed i doveri tipici di chi lavora con la legge. 

Cambia invece il modo di fare l'avvocato sia nel lavoro che nelle molteplici incombenze e se un tempo il mestiere era prevalentemente itinerante (mancavano gli strumenti e la tecnologia) oggi esso si evolve in qualcosa di sofisticato.

I vantaggi sono molteplici e si traducono in:

  • efficienza sul lavoro.
  • ottimizzazione dell'attività.
  • raggiungimento degli obiettivi.
  • miglioramento della professione.

Dal punto di vista dell'efficienza la tecnologia ha fatto molto in merito soprattutto al risparmio del tempo.

Se gran parte del lavoro viene svolto sui device (PC, tablet e computer) e si comunica anche grazie ad un semplice smartphone (collegato in rete e fornito di app per la messaggistica istantanea), contattare un cliente anche solo per concordare la parcella diventa un adempimento che si risolve in pochissimi click.

E gli stessi click serviranno, ad esempio, per accordarsi su un appuntamento, comunicare in merito al rinvio di un'udienza, fornire informazioni sulla propria causa e, addirittura, definire la strategia migliore per una difesa vincente.

Per quanto concerne l'ottimizzazione la tecnologia ha contribuito ad una riduzione del lavoro grazie all'innovazione nel settore dei software.

Programmi intuitivi riescono contemporaneamente ad archiviare, gestire, amministrare e comunicare e permettono di risparmiare tempo ma, soprattutto, denaro.

Utilizzare uno smartphone per controllare una sentenza o verificare un orientamento giurisprudenziale consente di svolgere questa attività in pochissimi istanti, senza recarsi in tribunale per consultare i fascicoli.

A giovarne non è solo la professione ma soprattutto i clienti che avranno dinnanzi a loro avvocati con maggior tempo da dedicare alle esigenze esposte.

Gli obiettivi si raggiungevano un tempo, ma si raggiungono anche oggi. Con la differenza che si riducono le tempistiche e si risparmiano le risorse.

Un avvocato attualmente può puntare sul miglioramento qualitativo del proprio lavoro e sui servizi forniti per contraddistinguersi dalla concorrenza ed essere preferito dai clienti. Le strategie lavorative si conformano alle soluzioni moderne e permettono di concentrarsi su altri fattori, quali potrebbero essere le tattiche adoperate per lavorare in maniera profittevole.

Se la vittoria di una causa rimane il target di riferimento, ad essa si annette la possibilità di creare una brand identity, di farsi conoscere anche al di fuori del circondario di riferimento.

Il risparmio di tempo e di denaro consente all'avvocato di investire queste due risorse per migliorarsi da un punto di vista professionale e sociale. 

Il legale avrà modo di sfruttare la versatilità della tecnologia per svolgere il mestiere in diverse forme fornendo servizi oltre confine e facendosi conoscere per la propria preparazione.

Oggi un avvocato non si assume solo per una difesa, ma può essere di supporto alle grandi aziende, essere mandatario di società multinazionali, aiutare nella direzione di realtà industriali di nuova o di antica costituzione. Se non è questo un miglioramento!?

Telefono, messaggi e videochiamate: perché sono i nuovi poteri dell'avvocato?

Telefono, messaggi e videochiamate: perché sono i nuovi poteri dell'avvocato?

Nei paragrafi precedenti abbiamo visto come la tecnologia ha apportato dei miglioramenti nella professione dell'avvocato. I miglioramenti si sono avuti su diversi fronti e si traducono principalmente nel risparmio delle risorse e nella riqualificazione della professione. 

A consentire ciò sono due tipologie di strumenti a disposizione di un legale:

  • i device (computer, tablet, smartphone) sempre più sofisticati, intuitivi e facili da trasportare.
  • i software, adattabili a seconda delle esigenze e dei servizi forniti.

Abbiamo inoltre detto che un avvocato moderno si differenzia da uno ''antico'' per la possibilità di racchiudere un intero mestiere all'interno di un telefono: con esso non solo si lavora (si definiscono parcelle, si verificano gli appuntamenti, si consultano i calendari delle udienze), ma si interagisce con colleghi e clienti.

Lo smartphone è uno scrigno prezioso all'interno del quale viene convogliata l'intera vita dell'avvocato e saperlo adoperare nella maniera migliore significherà avere fra le mani un potente strumento.

Pensa un attimo ad alcuni aspetti della tua attività e a come possono essere risolti con uno smartphone. Devi verificare se l'ufficio di cancelleria ha depositato il fascicolo che hai inviato tramite PEC e per farlo consulti la tua e-mail.

Contemporaneamente hai cinque minuti liberi (stai prendendo un caffè al bar vicino all'ufficio) e decidi di trovare una sentenza che potrebbe esserti d'aiuto sulla causa che stai trattando. Vai su pst.giustizia.it ed accedi alla sezione della consultazione dei registri. Trovi ciò che ti serve, ne fai una scansione e archivi tutto nel file del tuo cliente. Finisci il caffè e rientri in ufficio a piedi.

Durante il tragitto invii un messaggio allo stesso cliente fissando un appuntamento per il primo pomeriggio specificando che sarà necessario firmare dei documenti.

Lui sarà fuori sede, vorrebbe rimandare ma hai l'intuizione di procedere con una videochiamata che ti permetterà di chiarificare i dettagli della causa. Segni sull'agenda del telefono l'appuntamento così, dopo pranzo, aprirai il PC e ti collegherai su skype.

Farai una scansione dei documenti, li invierai al tuo cliente, lui li stamperà e li firmerà il giorno stesso. Anch'egli li scansionerà a sua volta e te li invierà e tu, anziché stamparli, li archivierai nel fascicolo.

Fosse stato anche solo dieci anni fa parte del lavoro avresti dovuto farlo attenendoti alle necessità del cliente ed alla sua disponibilità. Avresti dovuto rinviare l'appuntamento, aspettare che il cliente avesse firmato l'atto, concordare sugli ultimi punti ed archiviare tutto su un supporto cartaceo.

Invece con un telefonino hai potuto accelerare il compito in meno di mezza giornata, utilizzando messaggi, videochiamate e strumenti ad hoc per l'invio e la ricezione dei documenti.

Il potere sta proprio in ciò, nella possibilità di gestire il tuo lavoro non secondo le esigenze degli altri, ma adottando criteri di ottimizzazione e di efficienza atti a rendere profittevole la tua attività. E poter decidere cosa fare in maniera autonoma è molto più di un'attitudine!

LEGGI ANCHE: Avvocato, vinci la concorrenza con i video online

Come sfruttare al meglio i nuovi poteri

La teoria deve essere messa in pratica per poter garantire risultati eccellenti e bisognerà quindi capire fin da subito come e in quale misura utilizzare il proprio telefono.

Oltre a ciò devi aggiungere l'astuzia di intuire i migliori software e le app che potrebbero semplificare il tuo lavoro, ma attenzione! Non è una cosa semplice scegliere il software per la propria attività! 

A seconda dei servizi che fornisci potrai optare per app integrate e programmi che funzionano sia sul telefono che sul computer. Un esempio sono i gestori per e-mail e posta certificata che ti forniscono un'applicazione da scaricare gratuitamente sullo smartphone.

Inoltre l'app deve poter funzionare ed essere interconnessa con i tuoi clienti: meglio un programma conosciuto che un qualcosa poco noto all'uomo medio.

Imparare ad utilizzare telefono e software è il secondo passo per trasformare lo smartphone in uno strumento di potere. Sembra semplice scrivere un messaggio e cliccare su una spunta ma sia smartphone che app possono avere diverse funzionalità che neanche immagini.

Ad esempio esistono cellulari in grado di scansionare documenti alla stregua di uno scanner, semplicemente utilizzando la fotocamera integrata, mentre alcune applicazioni permettono addirittura di messaggiare utilizzando sistemi di crittografia per la protezione dei dati.

La tecnologia si evolve e gran parte dei software necessitano di continuo aggiornamento per poter funzionare.

Se tale compito potrebbe risultare noioso, altrettanto lo sarebbe utilizzare programmi obsoleti non in grado di garantire, per esempio, la privacy nella gestione delle informazioni. E attendere due minuti di download per la versione aggiornata di un'app non è altro che un investimento di tempo i cui frutti si noteranno nell'immediato.

Un avvocato moderno deve aggiornarsi, ma anche aggiornare i suoi strumenti per poter lavorare efficacemente.

L'uso dei software avviene tramite licenza ma gran parte di essi sono disponibili nella versione gratuita per i primi 30 giorni. I fornitori dei programmi, inoltre, garantiscono servizi personalizzati che permettono di modificare il software a seconda delle esigenze.

Un software personale è come un'agenda all'interno del quale scrivere la propria vita e per acquistarla si sceglie quella più bella, con un lucchetto, una chiave possibilmente europea ed un codice cifrato.

I software personalizzati garantiscono maggior sicurezza e la possibilità di lavorare adeguatamente, per tale ragione puoi provarne più di uno e acquistare quello più consono.

Infine. Non è detto che per essere ottimi sia software che smartphone devono costare un investimento. Basta che siano funzionali, abbiano capacità di memoria, siano celeri nella connessione e forniti delle comodità più importanti. In fondo l'abito non fa il monaco e per un avvocato ciò che conta è il suo modo di lavorare. Non è forse vero?

Clicca su Mi piace!


Categoria

Tecnologia


Scopri nel video come gestire al meglio il tuo studio legale


La registrazione è stata effettuata, a breve verrà verificata dallo staff.

Riceverai l'email di accesso da cui potrai scaricare LEGALDESK.

Ora verrai rediretto alla home page.